La sfida dell'inclusione nelle scuole smaldoniane

30 settembre 2017

Il 7-8-9 settembre 2017, si è svolto in Roma presso la Curia Generalizia delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori, 1° Congresso delle Scuole Smaldoniane operanti in Italia, Brasile, Rwanda, Benin.
Si sono alternati Relatori provenienti da ogni parte d’Italia e del Brasile, comunicando non solo la loro Professionalità e Competenza ma anche esperienze vissute su campo. Le loro relazioni non erano improntate solo su l’ascolto ma erano anche operative ed interattive mediante laboratori e workshop per coinvolgere l’assemblea e i singoli Convegnisti all’attività didattica.
Lo scopo della Congregazione è stato quello di formare e aggiornare i vari educatori “nell’Arte dell’Inclusione” umana, sociale, intellettuale di ogni alunno. Promuoverlo nella sua identità umana e spirituale. Essi vanno amati e guardati, l’Educatore, che li affianca, deve essere capace di GUARDARLI per amarli, ma anche AMARLI per guardarli davvero. La “lezione” di ogni Relatore ha permesso ad ogni partecipante, di ascoltare per interrogarsi, confrontarsi con i colleghi ed esprimersi nel lavoro di laboratorio ed worckshop per condividere e comunicare il proprio lavoro. Ogni Docente di ogni Stato, ha presentato l’attualizzazione dell’Inclusione richiesta dalle Normative Scolastiche e attuata nella propria classe, con la sua formazione e creatività. Il lavoro educativo-didattico ha avuto inizio nella Convention per poi continuare nella propria Scuola ed Aula una volta giunti leo loro territorio.
Aver visitato, dopo i tre giorni di studio, il luoghi di San Filippo Smaldone a Lecce dove Egli ha operato e affiancato i Sordi del tempo molto diseredati, ha suscitato non solo emozioni ma anche stimoli ad approfondire, riflettere e pensare che come Lui ha guardato cercando di “ricostruirli” dal di “dentro” ( “… guardandolo lo amò ),oggi tocca a noi, suore e laici, fare lo stesso con la “Persona” che ci viene affidata dalla famiglia che si affida all’educatore.
A tutte le Sorelle e i Docenti un caloroso GRAZIE da tutte noi del Consiglio Generalizio. Carissimi aiutateci a lavorare meglio nell’OPERA con lo stile e lo spirito di Gesù Pastore Buono “Lasciate che i fanciulli vengano a me”. Sr Gianfranca Petruzzella